mercoledì 30 maggio 2018

Il Jazz

Giornata Mondiale del Jazz

Siamo alla ricerca di... Stimoli
e... la musica ci allieta.



Il blues e il jazz sono entrambi figli di una stessa madre: la musica dei neri, ma le loro storie come le loro tecniche si sono evolute in modo differente. Il blues nasce nella seconda metà dell'ottocento, traendo origine dal canto degli schiavi nelle piantagioni del sud degli Stati Uniti – canti di lavoro e canti religiosi -. Il termine blues deriva dall’inglese “to feel blue”, sentirsi malinconico.
A contatto con le tradizioni musicali europee assunse un andamento armonico, ma ciò non andò ad intaccare la tipica “incertezza” modale del folklore africano. Sul finire del secolo, nel blues confluì una componente strumentale che, fusa con altri ritmi diede vita, tra il 1910 e il 1915, al jazz. Da musica di intrattenimento, questo genere giunse ad occupare il primo posto tra i generi leggeri nel periodo tra gli anni 20 e 30 del XX secolo, la cosiddetta “era dello swing”.
Caratteristiche principali del jazz sono: improvvisazionepoliritmiaswing – ritmo “dondolante” spesso sincopato – e il tono malinconico delle blue note. Questa forma musicale si distingue per due fattori primari: il blues - in 12 battute - e la canzone - in 32 battute -. La tipica formazione jazzistica moderna è costituita da un gruppo musicale di dimensioni limitate. La combinazione più frequente è il quartetto, generalmente formato da una sezione ritmica composta da batteria, basso (o contrabbasso), pianoforte e da uno strumento solista (un sassofono o una tromba).


Anche a solfeggio siamo sulla stessa linea...
Robert Johnson
fa parlare di sé con la sua particolarissima biografia


Tra le massime leggende della musica blues, è considerato uno dei più grandi e influenti musicisti del ventesimo secolo.
Fece parte della scena blues sorta nella zona del delta del Mississippi (Delta Blues) nei primi decenni del Novecento: la sua oscura biografia, scarsamente documentata, e la sua morte misteriosa all'età di soli ventisette anni hanno contribuito notevolmente ad alimentare le fosche leggende sulla sua figura già circolanti in vita.

Nessun commento:

Posta un commento